Sensori di movimento e misura Renishaw alla SPS di Parma
20/04/2022

Renishaw porta alla SPS Drives Italia di maggio, presso lo stand E28, Padiglione 5, le ultime novità inerenti i suoi sensori di movimento ottici e magnetici, per mostrare ai visitatori i benefici che è possibile ottenere installando nelle macchine le sue soluzioni di controllo lineari, rotative, assolute e incrementali.

Tra le novità che l’azienda presenta figura FORTiS, encoder incapsulato che permette di ottimizzare le prestazioni delle macchine utensili e migliorare l’efficienza delle operazioni di assemblaggio, manutenzione e assistenza. Frutto di anni di R&D in Renishaw, la serie assicura eccellente ripetibilità, isteresi minima e ottime prestazioni di misura grazie all’innovativo design senza contatto che non richiede guide meccaniche. L’unità ottica, già incapsulata nell’estrusione, è a sua volta sigillata per evitare contaminazioni. Inoltre, le guarnizioni sigillanti dell’estrusione riducono drasticamente le fuoriuscite dell’aria compressa, riducendo i costi operativi e assicurando maggiore longevità al sistema.

Renishaw porta alla SPS Italia anche AksIM, encoder assoluto che non richiede batteria di backup, già scelto come sistema di controllo anche da Universal Robots per i propri robot collaborativi. Il dispositivo include un lettore a basso profilo e un anello magnetico separato, con ottimo rapporto qualità/prezzo e risoluzioni binarie fino a 18 bit per giro con velocità massima di 10.000 giri/min. AksIM è in grado di determinare la posizione immediatamente all’avvio, grazie all’esclusivo codice a traccia singola integrato nell’anello prodotto in materiale anticorrosione.

Altra novità recente di Renishaw sarà Orbis, un encoder rotativo assoluto con foro centrale adatto a essere montato all’estremità di alberi rotanti, situazione nella quale i classici encoder ad albero assiale non riescono a essere montati a causa dei vincoli di spazio. Orbis dispone di un algoritmo aggiuntivo di auto-calibrazione che migliora la precisione del sistema di misura dopo l’installazione e, grazie al suo principio di misurazione e all’utilizzo di schede e magneti di diverse dimensioni, permette un alto grado di personalizzazione che soddisfa numerose applicazioni.

Altro elemento di rilievo sarà Resolute, encoder assoluto lineare e rotativo con interfaccia Siemens Drive-CLiQ che consente di elevare il livello prestazionale, garantire maggiore affidabilità, fornire eccellenti performance di controllo del movimento e consentire ai costruttori di produrre macchine utensili più affidabili e performanti.

Sarà infine presente anche Atom, innovativo encoder ottico lineare e angolare senza contatto, che combina dimensioni ridottissime a massima affidabilità, stabilità e immunità alla contaminazione. Le prestazioni del nuovo encoder sono il frutto di un design che non lascia spazio a compromessi, come invece spesso avviene con gli encoder miniaturizzati. Le dimensioni di Atom arrivano a 6,7 x 12,7 x 20,5 mm ed è il primo encoder in miniatura a utilizzare ottiche filtranti con controllo automatico del guadagno (AGC) e dell’offset (AOC).

 

 

Servitizzazione, ecosostenibilità e Industrial Smart Working: sono le tre linee sulle quali muove l’evoluzione da Industria 4.0 a 5.0

BRAND POST
Telmotor

Telmotor, azienda specializzata nell’Industry Automation ed Energy and Lighting Solutions, oggi sceglie di operare secondo un doppio binario: valorizzare le…