Strategie CAD/CAM migliorate nella versione 2021.2 di hyperMILL
06/10/2021

Open Mind presenta la versione 2021.2 della suite CAD/CAM hyperMILL che facilita l’utilizzo e migliora le strategie di lavorazione, offrendo inoltre ulteriori opzioni per la comunicazione dei dati.

Diverse innovazioni ottimizzano la lavorazione nella finitura di forme in 3D, ad esempio grazie alla riduzione dei movimenti di sollevamento nell’ordinamento dei percorsi utensile, generando così movimenti utensile più omogenei. La ‘sovrapposizione dolce’ garantisce inoltre una lavorazione priva di transizioni, mentre l’opzione ‘Taglio del percorso utensile sul grezzo’ evita percorsi utensile superflui. Inoltre per il calcolo e la simulazione dei percorsi utensile ora è possibile utilizzare anche una geometria utensile libera.

Con hyperMILL Virtual Machining è quindi possibile eseguire simulazioni e analisi con la massima precisione, poiché funziona con i codici NC reali. Tra le nuove estensioni, la rilevazione delle violazioni dei limiti degli assi, con ottimizzazione dei cicli di movimento. Inoltre, lo strumento Optimizer può interrompere percorsi utensile G1, individuare una nuova posizione all’interno dei limiti degli assi e proseguire con la lavorazione. I movimenti di attacco e di disimpegno vengono pertanto combinati dolcemente ai percorsi utensile, garantendo la prevenzione delle collisioni. Altrettanto nuova è la possibilità di applicare una speciale strategia di attacco e di disimpegno nelle macchine in cui l’utensile può essere ritirato all’interno di un tunnel.

Open Mind hyperMill 2021.2 produzione additivaLa nuova versione introduce anche nuove funzioni per la produzione additiva, con l’aggiunta della modalità trama. Con questa viene generato un percorso utensile sotto forma di onde o di movimenti a zig-zag per applicare il materiale sui contorni o nelle aree di riempimento. Potendo quindi ampliare l’area di applicazione e lo spessore dei singoli movimenti. L’applicazione costante migliora inoltre le proprietà metallurgiche del materiale applicato. Altra importante applicazione nella nuova funzione hyperMILL Best Fit è quindi la rilavorazione di componenti fabbricati con processo additivo

Un’importante rivoluzione viene poi introdotta da Open Mind nel processo di preparazione per il settore della truciolatura. Grazie a hyperMILL Best FIT, anziché orientare manualmente il grezzo nello staffaggio rispetto al programma NC, semplicemente premendo un tasto il sistema CAM hyperMILL esegue in automatico l’orientamento del programma NC in base alla posizione del componente. La nuova funzione amplia le opportunità di impiego della macchina virtuale nel programma CAM e della comunicazione grazie a un centro di lavorazione a 5 assi compatibile con misurazioni 3D, consentendo di eliminare il fattore di incertezza legato all’orientamento manuale.

Nella sua famiglia di prodotti, Open Mind offre quindi con hyperCAD-S un proprio programma CAD personalizzato in base alle esigenze dei programmatori CAM. Tra le novità importanti ci sono formati file aggiuntivi per l’importazione e l’esportazione. La nuova versione del programma offre tre formati aggiuntivi per l’importazione dei dati: SAT come testo ACIS standard oltre a OBJe 3MF per l’importazione di dati di rete. E’ stata altresì migliorata la creazione degli elettrodi, con la selezione ottimizzata del materiale grezzo, e con hyperCAD-S Electrode Converter è possibile creare file di importazione per le seguenti macchine a erosione e i seguenti software: Exoprog (Exeron), Alphamoduli (Zimmer & Kreim), PowerSpark Editor e Multiprog (OPS-Ingersoll).

Per finire, le opzioni di visualizzazione hanno subito una piccola ma utile modifica. Tramite il menu contestuale, per ogni lavorazione è possibile visualizzare il grezzo utilizzato. Ora anche la visualizzazione degli elementi utilizzati in una lavorazione come curve, superfici o punti, una volta selezionati, può essere attivata e disattivata semplicemente premendo un tasto.

L’era dell’Industria 4.0, basata sulla digitalizzazione e l’interconnessione dei processi produttivi, ha ormai ceduto il passo a quella dell’Industria 5.0….