Startup deep tech, 260 milioni da CDP Venture Capital e FEI
16/12/2021
CDP Venture Capital FEI startup deep tech

Uno stanziamento congiunto di 260 milioni di euro sarà destinato al finanziamento di startup innovative ad alto contenuto tecnologico grazie alla partnership siglata recentemente da CDP Venture Capital e il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI).

L’accordo dà in particolare continuità alla piattaforma di investimento ITAtech lanciata da CDP e FEI a dicembre 2016, volta a supportare il trasferimento tecnologico in Italia. Ampio è infatti il gap che nel nostro Paese esiste tra l’elevata qualità della produzione scientifica e le limitate possibilità di sbocco sul mercato per le tecnologie che ne derivano. CDP Venture Capital e FEI si impegnano pertanto congiuntamente per stimolare la nascita di nuovi fondi per lo sviluppo delle cosiddette startup deep tech, ovvero realtà innovative che sviluppano tecnologie di frontiera, caratterizzate dall’elemento della scoperta scientifica e che sorgono spesso all’interno dei laboratori di Università e centri di ricerca di eccellenza.

Il fondo si concentrerà in particolare sulla creazione di poli nazionali per il trasferimento tecnologico, centri distribuiti su tutto il territorio nazionale che collaboreranno con le università e gli istituti di ricerca per finanziare l’avvio delle startup. In parallelo provvederà inoltre a finanziare di fondi di venture capital specializzati in tecnologie per la transizione energetica, l’agricoltura, la robotica, le scienze della vita e l’aerospazio.

L’accordo comporta lo stanziamento da parte del Technology Transfer di CDP Venture Capital di fino a 130 milioni di euro, parte della propria dotazione complessiva di 275 milioni di euro, nell’ambito del co-investimento con il FEI. Quest’ultimo da parte sua si impegna per un pari intervento che porta al totale di 260 milioni di euro. Contribuito che fa salire quindi a 400 milioni di euro i finanziamenti complessivi per il trasferimento tecnologico in Italia.

Servitizzazione, ecosostenibilità e Industrial Smart Working: sono le tre linee sulle quali muove l’evoluzione da Industria 4.0 a 5.0