Oltre 13 milioni di euro in agevolazioni per startup e PMI
11/05/2021
investimenti startup PMI

L’incentivo a sostegno dell’innovazione tra startup e PMI, lanciato lo scorso 1° marzo 2021 su iniziativa del Mise, ha portato già nella prima metà di aprile a investimenti per oltre 27 milioni di euro da parte di startup e PMI innovative.

Tra le domande presentate attraverso l’apposita piattaforma online, nel primo mese di operatività della misura sono state infatti ammesse 1.688 operazioni di investimento, per un totale di 13 milioni di euro di agevolazioni concesse. La misura prevede nello specifico la concessione di un credito d’imposta del 50% in favore di persone fisiche che investono nel capitale aziendale, nei limiti delle soglie fissate dal regime dei minimis.

L’agevolazione fiscale è stata in particolare introdotta con il decreto Rilancio, per investimenti effettuati da persone fisiche, anche attraverso fondi comuni, che siano mantenuti per almeno tre anni. Gli investimenti sono in particolare agevolativi fino a un massimo di 100 mila euro, per ciascun periodo d’imposta, per le startup, e per le PMI innovative fino a un massimo di 300 mila euro (oltre tale limite, sulla parte eccedente l’investitore può detrarre il 30% in ciascun periodo d’imposta).

Le aziende che hanno presentato i progetti di investimento afferiscono in prevalenza ai settori ICT, manifatturiero e dei servizi di consulenza e ricerca e sviluppo.

L’era dell’Industria 4.0, basata sulla digitalizzazione e l’interconnessione dei processi produttivi, ha ormai ceduto il passo a quella dell’Industria 5.0….