Beni 4.0, credito d’imposta in misura ridotta se non interconnessi 
di Franco Metta - 28/09/2021

Come noto la Legge di Bilancio 2021 ha ridefinito la disciplina degli incentivi fiscali previsti dal Piano  Transizione 4.0 attraverso il riconoscimento di un credito d’imposta.

Per usufruire appieno del credito d’imposta è necessario che il bene acquistato sia stato anche interconnesso. Nel caso però si verifichi un disallineamento, ovvero il bene entri in funzione prima di essere interconnesso, la Legge di Bilancio 2021 ammette la fruizione del credito d’imposta in misura ridotta, a partire dall’anno di entrata in funzione. In pratica si ha diritto ad usufruire della stessa aliquota percentuale spettante per investimenti in beni strumentali ordinari.

Il beneficio della fruizione del credito d’imposta in misura piena non va però perso e la parte non usufruita potrà sempre essere recuperata a partire dall’anno in cui il bene 4.0 viene effettivamente interconnesso. Il contribuente può anche decidere di attendere l’interconnessione e fruire a quel punto del credito d’imposta in misura piena.

L’era dell’Industria 4.0, basata sulla digitalizzazione e l’interconnessione dei processi produttivi, ha ormai ceduto il passo a quella dell’Industria 5.0….