AI locale, chip edge e reti 5G, il 2020 che ci attende
03/02/2020
reti 5G chip edge AI Deloitte Gartner 2020

La tecnologia avanza a grandi passi e incede nel 2020 portando numerose evoluzioni, prima tra tutte il quella delle reti 5G, che quest’anno porteranno banda ultra larga, connessioni super veloci e reti mobili più affidabili. Tutto a favore delle applicazioni nelle smart city, nei veicoli intelligenti e nei dispositivi IoT. Evoluzione quindi anche nelle connessioni senza fili, con l’arrivo del WiFi 6, che rispetto all’attuale protocollo di rete wireless WiFi 5 consentirà velocità di download fino a tre volte superiori.

In ambito AI, l’intelligenza artificiale si prepara invece a diventare locale: le stime di Deloitte per il 2020 dicono che verranno venduti 750 milioni di chip ‘edge’, crescendo a circa 1,5 miliardi entro il 2024. Si tratta di chip che offrono funzioni di machine learning e riconoscimento biometrico e visuale, AR e assistenza vocale direttamente dai dispositivi in cui sono incorporati, senza passare da un data center in remoto. Ciò comporta velocità superiore e maggiore tutela della privacy per tutte queste funzioni, e grazie all’intelligenza in campo grande sarà il beneficio in termini di capacità di analisi dei dati direttamente dai dispositivi negli ambienti produttivi industriali.

Nel 2020 si cominceranno inoltre ad affacciarsi forme migliorate di AI conversazionale, con l’avvento di progetti come Microsoft Conversational AI, piattaforma capace di ascoltare i comandi vocali degli utenti in maniera corretta, oltre a seguire conversazioni complesse e di cogliere anche le sfumature delle emozioni. Nel mondo business alle interfacce tradizionali subentreranno nuove interfacce uomo-macchina per la gestione dei prodotti digitali. Qui Gartner cita le chatbot, interfacce agente basate sulla AI, che nei mesi a venire cambieranno le modalità con cui le aziende si rapportano ai propri clienti.

I robot continueranno nella loro corsa, e secondo Deloitte entro il 2021 le installazioni di robot industriali saranno raddoppiate rispetto al 2016. Reti 5G e chip edge traineranno in particolare aumenti a doppia cifra nell’adozione di robot in logistica, retail e healthcare. Droni, veicoli autonomi ed elettrodomestici intelligenti proseguiranno quindi secondo Gartner nella loro evoluzione, conquistando gli spazi pubblici aperti e divenendo sempre più collaborativi tra loro.

Infine, nella smart city è prevista in continua crescita la smart mobility, con in particolare un raddoppio del numero di utenti di biciclette nelle grandi città a livello mondiale. Si stima che saranno vendute 130 milioni di bici elettriche tra 2020 e 2023, mentre alla fine dello stesso periodo raddoppierà il numero di e-bike in circolazione rispetto al 2019, sia private che in modalità sharing, raggiungendo i 300 milioni, grazie anche ai miglioramenti nella tecnologia delle batterie agli ioni di litio. A sostenere il crescente ricorso alle due ruote saranno i servizi da smartphone che miglioreranno la user experience dei veicoli, come app per registrare e condividere i tempi di percorrenza e le informazioni sulle condizioni stradali, oltre al calcolo delle calorie consumate e dei gas serra risparmiati.

L’era dell’Industria 4.0, basata sulla digitalizzazione e l’interconnessione dei processi produttivi, ha ormai ceduto il passo a quella dell’Industria 5.0….