Fatturazione elettronica, sfida e opportunità per Molina
22/01/2019
fatturazione elettronica Edicom Luis Molina Apestegui

Con l’obbligo di fatturazione elettronica entrato in vigore a gennaio 2019, l’Italia è il primo Paese a rendere obbligatoria la fattura elettronica tra privati, dopo essere stato tra i primi a richiedere l’emissione di fattura elettronica da parte dei fornitori alla PA.

“Con questo passaggio, l’Italia sta diventando un punto di riferimento in materia di fatturazione elettronica per molti Paesi Europei – dice Luis Molina Apestegui, sales manager Italia di Edicom -, che guardano all’esempio italiano per vedere quali saranno i risultati di questa operazione. La fatturazione elettronica va vista come una importante novità che potrebbe generare un cambiamento profondo nei processi delle aziende e in modalità di lavoro consolidate, dando un impulso in qualche modo ‘forzato’ alla digital transformation delle imprese, anche in contesti ad oggi ancora poco sensibili alle dinamiche digitali”.

Per supportare le aziende nell’adozione del nuovo modello digitale di fatturazione, Edicom ha sviluppato una soluzione integrata e automatizzata in grado di semplificare sia l’emissione che la ricezione delle fatture tramite Sdi. La soluzione è in grado di occuparsi a 360° di tutto il processo, dalla creazione del documento, all’applicazione dei meccanismi di sicurezza, all’invio tramite il Canale Accreditato Sdi, all’elaborazione delle ricevute di stato, fino all’archiviazione in conformità a quanto previsto dalla Conservazione Elettronica, in qualità di Fornitori di Servizi Fiduciari Qualificati eIDas. Ancora più complessa può inoltre risultare la dichiarazione della fatturazione con aziende estere, e in questo caso Edicom automatizza la trasmissione dei dati delle fatture transfrontaliere all’Agenzia delle Entrate, grazie a una soluzione integrata con l’erp.

In generale, l’incremento dei modelli elettronici obbligatori spinge le aziende a cercare di trarre il massimo dall’investimento effettuato, e ad adottare procedure elettroniche nel resto dei propri flussi commerciali globali. “La fatturazione elettronica è una grossa sfida per il mercato italiano – dice ancora Molina Apestegui -, ma al contempo rappresenta una grande opportunità per dare una spinta al cambiamento in senso digitale dei processi nelle imprese, e verso un aumento della cultura digitale in Italia. Le aziende di tutte le dimensioni e settori devono confrontarsi con una trasformazione che da un lato permetta loro di soddisfare le nuove necessità dei clienti, e dall’altro aumenti la loro efficienza, al fine di poter continuare a essere competitive sul mercato globale”.

“Una volta istituita la fattura elettronica per la PA – conclude quindi Luis Molina -, l’obbligo introdotto alla fatturazione elettronica tra privati compie un passo in più, e sicuramente un domani arriveremo così ad avere anche l’ordine elettronico, la bolla elettronica e i pagamenti. Secondo un processo che andrà a diffondersi in tutta l’Unione Europea e in altri Paesi, dove già avviene da diversi anni, come il Messico e il Brasile”.

Per il Piano Industria 4.0 il 2018 è stato l’anno del passaggio all’Impresa 4.0. Questo intervento di sostegno alla digitalizzazione…