Titanio per manifattura additiva nel nuovo sito Sandvik
04/12/2019
polveri titanio impianto Sandvik

Sandvik ha inaugurato a fine ottobre scorso il nuovo impianto di produzione di polveri di titanio di Sandviken per la produzione additiva di componenti. Il lancio delle polveri di titanio di Sandvik per additive manufacturing supporta il trend in crescita nella stampa 3D di componenti in titanio.

Il titanio è altamente apprezzato per una serie di caratteristiche, quali la robustezza unita alla leggerezza e alla elevata resistenza alla corrosione, oltre alla biocompatibilità del materiale. La difficile lavorabilità con i tradizionali metodi sottrattivi a partire da billette di titanio ha però limitato l’impiego del titanio alla produzione di pezzi ad alto valore aggiunto per industria aerospace e medicale. Ora la possibilità di impiegare il titanio per la produzione additiva di parti offre una serie di vantaggi anche ad altre industrie, a partire dal minore spreco di materiale fino all’incrementata libertà di design. L’apertura del nuovo plant Sandvik amplia così potenzialmente l’uso del titanio a una serie di nuove applicazioni industriali, come nel settore automotive e degli utensili.

La stessa Sandvik Coromant ha sfruttato la produzione additiva con il titanio per aumentare in maniera radicale le prestazioni del proprio utensile CoroMill 390. L’aggiunta delle polveri di titanio va così a completare l’offerta della divisione Additive Manufacturing di Sandvik, che grazie alle ampie conoscenze sviluppate internamente nella produzione additiva e nella atomizzazione dei metalli potrà customizzare le polveri di titanio per soddisfare le specifiche esigenze di stampa dei vari clienti.

Ideato nel 2016 il Piano Nazionale Industria 4.0 negli anni ha seguito l’evolversi dell’implementazione nel nostro Paese delle tecnologie abilitanti,…