Smart Home connesse, ecco la Casa aumentata di ABB
09/01/2020
Casa aumentata ABB

Controllo digitale per ottenere risparmio energetico, massimi livelli di comfort e sicurezza elevata, sono i principi alla base del progetto Casa Aumentata di ABB, connessa e intelligente. Il progetto di ABB realizza un ecosistema di soluzioni integrate a 360°, in un sistema semplice e su misura, in grado inoltre di evolversi con funzioni e servici che rispondono alle esigenze di chi vive quotidianamente gli ambienti domestici.

Anche in Italia, le soluzioni per la Smart Home hanno visto una spinta nel mercato grazie alla comparsa degli smart home Speaker, gli assistenti vocali come Google Home e Amazon Alexa. La possibilità di scegliere i dispositivi connessi da introdurre nella propria abitazione consente di creare la propria ‘Casa aumentata’ in maniera graduale, senza richiedere lavori invasivi e a misura delle proprie esigenze. Che si tratti di controllare da tablet o smartphone riscaldamento, climatizzazione, impianti elettrici, sistemi di controllo di porte, finestre e antifurto, l’ampia gamma di prodotti ABB permette di supportare il percorso di evoluzione in senso smart della casa desiderato, con soluzioni integrate, scalabili e semplici.

ABB-free@home guarda così al comfort nella casa smart, per la gestione simultanea di tutte le funzioni della casa, come tapparelle, luci, riscaldamento, climatizzatore e sistema di citofonia. La soluzione mira a rendere la domotica facile e intuitiva da programmare e controllare, aumentando il comfort e riducendo i consumi elettrici. Scalabile e modulare, ABB-free@home consente anche di aggiungere dispositivi connessi presenti sul mercato, come gli speaker Sonos, i sistemi di illuminazione LED Philips Hue e il comando vocale con Amazon Alexa.

Casa aumentata smart home ABB

Sotto il profilo della sicurezza, la casa intelligente consente quindi l’automatizzazione di processi quali l’accensione di sistemi di allarme, la programmazione di invio di messaggi in caso di situazioni pericolose (non solo tentativi di effrazione ma anche ad esempio fughe di gas o perdite di acqua). Casa Aumentata offre quindi anche la possibilità di simulare la propria presenza in casa, mediante accensione programmata e sequenziale di luci.

Autosufficienza e risparmio energetico sono quindi due elementi chiave della casa intelligente, con diverse tecnologie che permettono di ottimizzare le performance e i consumi dei vari apparecchi domestici. L’impiego di energie da fonti rinnovabili compie quindi un ulteriore passo in avanti in direzione della casa del futuro a minor impatto ambientale possibile, in grado di utilizzare l’energia autoprodotta grazie a sistemi di storage. Il sistema integrato di inverter e accumulo React 2 di ABB garantisce in questo caso una riserva di energia generata dal sole, rendendo disponibile per il consumo l’energia in eccesso prodotta dall’impianto fotovoltaico.

Infine, i sistemi di ricarica residenziali da parete Wallbox consentono nella casa smart di ricaricare un’auto elettrica durante la carica notturna, con una soluzione integrabile all’interno del sistema di building automation e associato ai sistemi di accumulo dell’energia proveniente da fonti rinnovabili.

Ideato nel 2016 il Piano Nazionale Industria 4.0 negli anni ha seguito l’evolversi dell’implementazione nel nostro Paese delle tecnologie abilitanti,…