L’Italia digitale nelle Infografiche 2020 degli Osservatori del PoliMi
11/01/2021
Osservatori Digital Innovation infografiche 2020

Guardando al 2020 appena concluso, due sono le più grandi novità nel campo dell’innovazione digitale che gli Osservatori del Politecnico di Milano rilevano: in primo luogo l’aumento del lavoro da casa, o smart working, o lavoro a distanza e da remoto che dir si voglia. Da un totale di 570.000 lavoratori da remoto stimati nel 2019, il numero è salito a 6.580.000 con l’avvento dell’emergenza covid-19, pari a 1/3 di tutti i lavoratori dipendenti in Italia. Altro fattore notevole è stata quindi la rilevante crescita dell’e-commerce, di fronte ai vincoli posti agli spostamenti fisici. In parallelo sono cresciute formazione e didattica a distanza, nell’impossibilità di proseguire le attività in presenza.

La pandemia ha quindi nel complesso dato una forte spinta verso un’economia e una società dall’impronta molto più digitale. Arrivano in questo quadro le Infografiche 2020 degli Osservatori Digital Innovation, con i numeri chiave dell’innovazione digitale in Italia, scaricabili nel loro insieme a questo indirizzo: https://www.osservatori.net/it/prodotti/formato/report/le-infografiche-2020-i-numeri-chiave-dellinnovazione.

L’indagine è condotta su un campione di 177 aziende, al 76% grandi imprese e per il restante PMI.
Prendendone alcune in esame, vediamo che nell’analisi della maturità digitale delle PMI italiane, il 26% si classifica come matura, con un punteggio di 0,88 in una scala da 0 a 1. Un altrettanto 26% si dichiara però immaturo. Il 61% delle realtà interpellate ritiene comunque che le innovazioni digitali siano assolutamente necessarie per lo sviluppo aziendale, e il 64% ha al proprio interno un responsabile IT o la figura di un innovation manager. Tra i principali ostacoli all’innovazione digitale vengono invece indicati i costi troppo alti e la mancanza di cultura e competenze. Proprio la mancanza di digital skill sembra infatti essere il punto debole dell’Italia, addirittura ultima in tale ambito nell’indice DESI – Digital economy and society index della Commissione Europea.

Infografiche Osservatori digitali maturità aziende

Interessante è quindi l’infografica sul mercato italiano della AI, che vale 200 milioni di euro, con una diffusione di soluzioni di AI maggiore nel settore bancario e finanziario (25%), seguito da manifatturiero (13%), utility (13%) e assicurativo (12%). Per quanto riguarda la maturità dei progetti di AI in Italia, la maggioranza delle aziende è nella fase di sperimentazione (23%), ma un 20% dichiara di avere progetti di AI già a regime in azienda. Allo stato progettuale o in fase di implementazione si trovano rispettivamente il 12% e l’11% delle organizzazioni, mentre non ha iniziative in corso il 17%, così come un altro 17% vede un possibile interesse nel futuro. Tra gli ambiti applicativi sono quindi già realtà assodate i chatbot e gli assistenti virtuali, così come l’elaborazione intelligente dei dati. In prossimità di arrivo la AI applicata alla computer vision, mentre sono ancora qualcosa che pertiene al futuro i robot e veicoli autonomi.

Infografiche Osservatori digitali AI

Vale invece 6,2 miliardi di euro il mercato IoT in Italia nel 2019, in crescita del 24% sull’anno precedente. Una crescita per cui proprio l’AI si rivela determinante, mettendo a disposizione nuovi algoritmi per lo sviluppo di nuovi servizi abilitati dai dispositivi IoT. Tra questi l’indagine cita il riconoscimento facciale e delle emozioni, la gestione dell’energia, l’ottimizzazione dei processi industriali e il miglioramento della resa del raccolto, in un contesto di Agricoltura sempre più 4.0. Nella classifica degli ambiti applicativi dell’IoT, la parte del leone la fa lo smart metering, con 1.705 milioni di euro (+19%), seguito dalle smart car con 1.210 milioni (+14%), dallo smart building (670 milioni, in crescita del 12%), dalla logistica smart (585 milioni, +26%) e dalle applicazioni per la smart home (530 milioni, +40%). Vale 350 milioni di euro il segmento Smart Factory, segnando una crescita del +40%.

Infografiche Osservatori digitali IoT

Infografiche Osservatori digitali applicazioni IoT

Curioso invece come l’emergenza sanitaria abbia indotto molte aziende a mettere in secondo piano il tema Analytics. Ciò ha portato per il primo anno questo segmento a una crescita relativamente bassa, pari a solo il 6% per un valore di mercato di 1.815 miliardi, contro i 1.708 raggiunti nel 2019 (+23% sull’anno precedente). Infografiche Osservatori PoliMi Analytics

L’era dell’Industria 4.0, basata sulla digitalizzazione e l’interconnessione dei processi produttivi, ha ormai ceduto il passo a quella dell’Industria 5.0….