Innovazione e 3D nella nautica al Metstrade
06/11/2018
nautica innovazione Metstrade II Round Table

Metstrade di Amsterdam ospita il 13 e 14 novembre II Round Table, (Elicium stanza 205, all’interno del Material Construction Pavillion), seconda edizione della tavola rotonda dedicata ai materiali e alle tecnologie innovative per la costruzione nautica, organizzata in collaborazione con lo Studio Pegorari di Milano.

Il primo giorno sarà dedicato alle più recenti novità nei materiali e tecniche di costruzione per tutti i tipi di barche e yacht. In particolare, verrà presentato un innovativo sensore di deformazione che può essere incorporato in strutture di materiali compositi, per misurare la deformazione in situ e le condizioni di carico nel componente. Si illustrerà quindi come l’ingegneria può risolvere problemi di equilibrio e di rigidità complessiva di RIB. Verrà poi introdotto un materiale in grado di ridurre del 4% il consumo di carburante, senza costi aggiuntivi.

costruzione nautica innovazione MetstradeIl secondo giorno toccherà invece stampa 3D e prototipazione rapida per l’industria nautica, per far luce sul reale stato dell’arte dell’additivo nel settore nautico, mostrando i vantaggi che può portare come l’elevato grado di libertà di design reso possibile dalle tecniche di produzione additive.

Verrà quindi presentato in anteprima europea il Revyta Project, proposta di un modello industriale sostenibile di riciclaggio della vetroresina e dei compositi in ambito nautico. Il problema è molto sentito nel settore, in quanto ad oggi in Europa non esiste un sistema per riciclare le imbarcazioni a fine vita. Revyta prevede un costo di investimento pari a 1,5 milioni di euro, per metà con finanziato dalla Regione Toscana, e mira a sviluppare una piattaforma integrata per la gestione dell’intero processo di riciclaggio, smantellamento, smaltimento e riciclo della vetroresina impiegata in nautica per realizzare imbarcazioni (ma anche nei settori automotive per i camper e nei trasporti per le carrozze ferroviarie). Il progetto punta allo sviluppo, in circa due anni di operatività, di una piattaforma integrata per gestire l’intero processo di riciclo.

A un anno di distanza dal varo del Piano Nazionale Industria 4.0 è tempo di un primo bilancio ma anche…