Formazione tecnica e umanistica per i meccatronici del futuro
12/12/2018
competenze meccatronici futuro Hypertec Solutions

Hypertec Solutions ha chiesto il contributo della platea di manager, amministratori, docenti e ricercatori e istituzioni a un recente evento a Bologna per capire quale sarà il giusto mix di competenze richiesto in futuro alle imprese nell’Industria 4.0.

Tra le principali skill che l’ingegnere meccatronico del futuro deve possedere, il 56% ha indicato al primo posto il pensiero critico, ovvero la capacità di analizzare e valutare al meglio le varie opzioni che si presentano in ambito meccanico ed elettronico. Per il 27% servono quindi leadership e change management nei ruoli chiave, per cui l’innovazione deve fare da guida nella formazione del team di ingegneri meccanici ed elettronici. Il 17% ritiene quindi importante disporre di un misto di competenze specialistiche tra ingegneria meccanica ed elettronica.

Interrogati su quali siano le tre strategie essenziali alla realizzazione di Industria 4.0, i rispondenti hanno indicato l’investimento in formazione, per l’83%, in quanto le nuove competenze sono indispensabili per sostenere la rivoluzione digitale. Il 12% ha quindi indicato gli investimenti in intelligenza artificiale e nuove tecnologie, mentre il 5% indica quelli in infrastrutture e banda larga.

Infine, alla domanda su quale equilibrio e peso dare alla formazione nelle materie umanistiche e tecnico-scientifiche, l’81% ritiene che serva una formazione tecnico-scientifica integrata da una buona formazione umanistica. In forte minoranza quelli che pensano serva invece più formazione tecnico-scientifica, e quelli che non credono alla possibilità di una convergenza tra i due mondi.

Per il Piano Industria 4.0 il 2018 è stato l’anno del passaggio all’Impresa 4.0. Questo intervento di sostegno alla digitalizzazione…