Formare competenze in intelligenza artificiale, priorità per l’industria Europea
07/10/2019

EMO 2019 ha sottolineato quanto sia importante l’aggiornamento delle competenze per l’industria in Europa, e Cecimo dal canto suo rimarca come tra gli skill più impellenti richiesti vi siano quelli legati all’intelligenza artificiale. Se infatti come rileva il recente report Future of Jobs del World Economic Forum il 54% dei lavoratori necessiterà da qui al 2020 di un significativo aggiornamento o acquisizione di nuove competenze, l’AI figura in un Survey di LinkedIn Learning tra le cinque principali hard skill necessarie tra le imprese nel 2019.

Se le competenze nella strategia industriale al 2030 compaiono in cima all’agenda politica europea, Cecimo sottolinea però anche quanto importante sia il supporto che su questo fronte deve arrivare da parte dei Governi dei vari Paesi, che devono impegnarsi per un riassetto dei sistemi educativi. McKinsey stima che l’intelligenza artificiale nel mondo potrà creare un valore potenziale compreso tra i 500 e i 700 miliardi di dollari solo dalla manutenzione predittiva applicata alla gestione della supply chain e della produzione.

“Le aziende nel comparto macchine utensili che stanno pensando di sviluppare proprie soluzioni di AI – dice quindi Roland Feichtl, presidente Cecimo – debbono seriamente considerare se detengono al loro interno la capacità di attrarre e mantenere talenti legati all’intelligenza artificiale, per poter integrare con successo queste tecnologie nei loro processi manifatturieri”. In tale ottica, la sfida principale da affrontare per queste realtà è formare ingegneri meccanici, elettronici ed elettrici sull’intelligenza artificiale, nel linguaggio Python per il data science, essential mathematics per la AI, metodi di ricerca per data science e via dicendo.

Occorre inoltre per questo motivare le proprie risorse all’apprendimento e crescita continui, e trasformare le aziende in organizzazioni AI-driven, al cui interno nascano una serie di nuove figure dedicate che apportino nuove competenze, quali possono essere ingegneri esperti di data science e in machine learning.

Per il Piano Industria 4.0 il 2018 è stato l’anno del passaggio all’Impresa 4.0. Questo intervento di sostegno alla digitalizzazione…