Finanziamenti Simest per le imprese in vista di 32.BI-MU
20/07/2020
Simest finanziamenti fondo perduto

Le misure del Fondo 394 gestito da Simest prevedono finanziamenti a fondo perduto fino al 40% per la partecipazione a fiere internazionali, anche su territorio italiano quale è 32.Bi-Mu in programma dal 14 al 17 ottobre 2020 in FieraMilano Rho.

Gli strumenti previsti mirano a supportare l’internazionalizzazione delle aziende, in maniera particolare le PMI. I finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione offerti da Simest sono quindi rivolti non solo alla partecipazione ad attività fieristiche, ma anche a sostegno di studi di fattibilità, all’apertura di una prima struttura commerciale all’estero, alla formazione di personale all’estero, ad avvalersi della figura di un temporary export manager e infine allo sviluppo o ad aderire a una piattaforma di e-commerce.

Il Decreto Rilancio ha in particolare disposto una serie di misure volte a potenziare i finanziamenti agevolati offerti da Simest alle imprese a valere sul Fondo 394, che per il 2020 ha una dotazione di 600 milioni, cui si aggiungono 300 milioni per le quote di cofinanziamento a fondo perduto. Le imprese possono nello specifico chiedere fino al 40% del finanziamento a fondo perduto, a eccezione del finanziamento Inserimento mercati esteri per cui la misura è al 20%, per un importo massimo concedibile a fondo perduto di 100 mila euro.

Una nota del Comitato Agevolazioni istituito presso Simest e presieduto dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale spiega inoltre che sarà attiva fino a fine anno l’esenzione dalla prestazione delle garanzie da parte delle imprese richiedenti, che potranno ottenere i finanziamenti agevolati senza sottoporsi, dopo la concessione del finanziamento, a un’ulteriore valutazione del merito creditizio da parte delle banche. Il provvedimento permette di abbreviare i tempi per la ricezione materiale del finanziamento, che avverrà nell’arco di circa un mese dall’avvio dell’istruttoria.

Il Comitato comunica inoltre che al fine di ampliare il raggio d’azione degli strumenti e la platea delle imprese finanziabili, è stato eliminato il vincolo del finanziamento e-commerce a piattaforme con un dominio di primo livello nazionale, ed è stato ampliato il concetto di temporary export manager ad altre figure manageriali temporanee con incarichi finalizzati all’internazionalizzazione.

Ideato nel 2016 il Piano Nazionale Industria 4.0 negli anni ha seguito l’evolversi dell’implementazione nel nostro Paese delle tecnologie abilitanti,…