Encoder Renishaw nella precisione dei cobot UR
22/01/2019
encoder Renishaw cobot Universal Robots

Flessibilità, semplicità di programmazione e sicurezza sono le caratteristiche che decretano il successo dei robot collaborativi di Universal Robots sul mercato, unitamente alla precisione. I cobot dell’azienda danese si affidano per questo alle prestazioni degli encoder magnetici rotativi assoluti della gamma AksIM di RLS, una consociata di Renishaw, che assicurano massima sicurezza e stabilità del robot.

L’encoder è difatti un componente critico nei cobot UR in quanto elemento necessario a fornire un continuo feedback di posizione che permette al controller del robot di tenere traccia in tempo reale della posizione di ciascuna articolazione. Nel caso dei cobot UR, l’encoder è fissato all’estremità del riduttore per monitorare l’effettivo angolo di rotazione dell’articolazione robotica. A differenza dell’approccio che prevede il montaggio dell’encoder sulla parte anteriore del riduttore, la soluzione di montaggio adottata nei cobot Universal Robots elimina gli errori di sistema e consente al robot di ottenere ripetibilità di ±0,1 mm, rispondendo alla maggior parte delle esigenze applicative.

cobot Universal RobotsL’encoder assoluto AksIM non richiede batterie di backup e la posizione assoluta viene determinata immediatamente al momento dell’accensione. Il dispositivo è dotato di diverse funzioni di automonitoraggio integrato, che ottimizzano la sicurezza dei robot UR durante l’utilizzo. L’encoder e l’anello sono di forma compatta per poterli integrare sul riduttore, aumentando lo spessore dell’articolazione di soli 7 mm. I cavi possono passare all’interno dell’anello concavo, consentendo una gestione semplificata e maggiore flessibilità di progettazione del sistema. Inoltre, l’encoder è ultraleggero, per ridurre significativamente il carico sulle articolazioni e permettere un significativo risparmio energetico.

Le prestazioni dell’encoder AksIM soddisfano i requisiti più rigidi delle applicazioni di robotica: la risoluzione arriva a 20 bit, con una precisione del sistema fino a +/-0,1° e una ripetibilità superiore all’unità di risoluzione. Il componente offre infine un alto grado di protezione, che arriva a IP64 per poter operare negli ambienti industriali più estremi.

Per il Piano Industria 4.0 il 2018 è stato l’anno del passaggio all’Impresa 4.0. Questo intervento di sostegno alla digitalizzazione…