Controllo termografico e AI Dahua per la sicurezza nelle scuole
09/11/2020
Dahua Technology sicurezza scuole

Malgrado le nuove restrizioni, e il ritorno della didattica a distanza per le scuole, o d.a.d., divenuta obbligatoria con i nuovi DPCM di ottobre, garantire la sicurezza negli accessi alle strutture scolsatiche resta una priorità. A garantire la sorveglianza sanitaria in due istituti scolastici dell’hinterland milanese sono i sistemi di rilevamento termico e controllo dei flussi di Dahua Technology, con un supplemento di intelligenza artificiale per il riconoscimento facciale.

I sistemi sono stati adottati presso l’Istituto Comprensivo Statale Erasmo da Rotterdam di Cisliano, che tra studenti e personale scolastico conta un flusso di 350 persone al giorno, e presso l’Istituto di Istruzione Superiore G. Cardano, che accoglie ogni giorno 600 persone. In concreto, Dahua ha implementato sistemi che utilizzano una telecamera termica ibrida e un dispositivo di calibrazione (blackbody) per rilevare la temperatura cutanea in tempo reale con un’accuratezza certificata di ±0,1°C, e terminali di controllo accessi configurabili affinché consentano l’ingresso solo a chi indossa la mascherina e la cui temperatura cutanea è inferiore alla soglia impostata (di norma 37,5 gradi).

Non si tratta di dispositivi medici ma di sistemi di monitoraggio preventivo efficaci e sicuri, ad alta precisione e senza alcun contatto, in grado quindi di effettuare il controllo dei flussi di persone in totale sicurezza.

Entrambi gli Istituti sono stati dotati anche di un videoregistratore (NVR) con funzioni AI – come il conteggio delle persone – che, integrato nel sistema insieme alle telecamere e/o ai terminali di controllo accessi, può eseguire il riconoscimento facciale e registrare automaticamente le presenze degli alunni. Una possibile implementazione futura è legata proprio alla gestione delle presenze/assenze degli studenti.

Dahua conta già diverse applicazioni nel settore dell’istruzione, e fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria ha contribuito con le proprie tecnologie a tutelare la salute pubblica anche in altri ambiti, dalle aziende passando per le strutture governative come Palazzo Chigi – sede della Presidenza del Consiglio dei Ministri – e ospedaliere, e fino agli edifici e alle manifestazioni di interesse storico e culturale, quali i Musei Vaticani e il Festival del cinema di Venezia 2020.

 

Ideato nel 2016 il Piano Nazionale Industria 4.0 negli anni ha seguito l’evolversi dell’implementazione nel nostro Paese delle tecnologie abilitanti,…