Condition monitoring in Svezia con SKF
13/02/2018
condition monitoring SKF Svezia

Forte investimento da parte di SKF per l’apertura di un centro software in Svezia, a Göteborg, mirato a sviluppare la tecnologia di prossima generazione per il condition monitoring. La decisione dell’azienda guarda alla forte espansione del mercato di prodotti e servizi per il monitoraggio delle condizioni dei macchinari industriali. E’ infatti possibile leggere elettronicamente molte informazioni relative a condizioni delle macchine e scostamenti operativi, che richiedono interventi di manutenzione basati sul modello di rotazione dei cuscinetti in esercizio.

“Aiutare i clienti che utilizzano applicazioni rotanti, evitando costose fermate di emergenza, è di importanza strategica per SKF – spiega Fredrik Magnusson, responsabile della nuova unità per lo sviluppo software SKF -. Dato che molte aziende stanno passando da una strategia di manutenzione reattiva a una di tipo proattivo, siamo ben consapevoli delle potenzialità del mercato per servizi e soluzioni mobili che consentono una manutenzione efficace”. Il centro software in Svezia impiegherà circa 50 sviluppatori, la maggior parte dei quali opererà a Göteborg.

La scelta della città svedese come sede centrale offre diversi vantaggi strategici. In Svezia occidentale l’azienda ha infatti compiuto enormi progressi in ambito IoT, digitalizzazione e soluzioni intelligenti per l’industria. Molte grandi aziende della zona hanno inoltre concentrato le loro risorse in questo campo, e Göteborg rappresenta l’epicentro. Vantaggiosa sarà quindi anche la vicinanza alla sede centrale e alle altre unità di ricerca di SKF. L’azienda ha difatti recentemente deciso di concentrare tutte le proprie risorse per lo sviluppo di hardware e software per l’Europa a Göteborg e Luleå, in Svezia, e Aberdeen e Livingston, in Scozia. L’unità svedese di Luleå, che sviluppa a produce sistemi online fissi da fine anni ’80, verrà integrata con cinque nuovi dipendenti.

A un anno di distanza dal varo del Piano Nazionale Industria 4.0 è tempo di un primo bilancio ma anche…