Bonus internet e pc per famiglie, scuola e imprese a banda ultra larga
18/09/2020
Bonus pc internet voucher CoBUL

Sono in arrivo i Voucher previsti dal Piano Scuola e dal Piano Voucher per famiglie nell’ambito della strategia italiana della banda ultralarga. Lo stanziamento di risorse complessive è pari a 600 milioni di euro, ed è stato disposto dal CoBUL, il Comitato per la Banda Ultra Larga, anche alla luce dell’importanza che la tecnologia ha rivestito durante l’emergenza coronavirus degli ultimi mesi.

La situazione di crisi dei mesi di lockdown ha difatti mostrato i punti deboli della connettività in Italia, dove se al Nord e nel Centro la fibra va dal 95% al 33%, la sua percentuale scende al 3% in Sardegna e Sicilia, e crolla addirittura all’1% in Puglia.

Il Piano Famiglie stanzia nello specifico un totale di 200 milioni di euro in voucher da 200 a 500 euro per l’acquisto di pc, connessione internet e tablet. Il bonus viene calcolato in base al reddito ISEE: alle famiglie con reddito ISEE fino a 20.000 euro spetta un bonus pc e internet pari a 500 euro, per l’acquisto di offerte internet casa di almeno 30 Megabit al secondo, tablet o pc forniti dallo stesso operatore. Alle famiglie con reddito ISEE fino a 50.000 euro spetta invece un bonus di 200 euro, per l’acquisto di offerte internet casa di almeno 30 Megabit al secondo.

Il Piano Scuola dispone invece di un totale di 400 milioni di euro per l’attivazione di servizi a banda ultra larga in oltre 32.000 istituti scolastici in tutta Italia.

La strategia internet prevede inoltre una ulteriore declinazione con un bonus destinato alle imprese, che nella fattispecie varia dai 500 euro, per connettività ad almeno 30 Megabit al secondo, fino a 2.000 euro, per connettività fino a velocità di 1 Gigabit al secondo, ovvero in fibra, in base alla copertura disponibile localmente e ad altri fattori come la dimensione dell’azienda e il numero dei dipendenti.

La misura prevede infine la collaborazione degli operatori TLC, che dovranno registrarsi al portale telematico di Infratel Italia appositamente predisposto per gestire l’incentivo. Le famiglie potranno quindi richiedere direttamente il bonus agli operatori, interfacciandosi con loro tramite i tradizionali canali di vendita. Saranno quindi gli operatori a occuparsi di tutte le pratiche, come la verifica dei requisiti di reddito e, per le imprese, se l’offerta attivata riguarda la sede o la casa, il numero di dipendenti e così via.

Infratel rende inoltre noto che tutte le informazioni relative l’attuazione della misura, tra cui l’elenco degli operatori accreditati e le offerte cui i beneficiari possono aderire, saranno pubblicate sui siti www.infratelitalia.it e bandaultralarga.italia.it, all’esito della pubblicazione del Decreto del Mise relativo alla misura. Gli operatori potranno fare domanda per le agevolazioni a partire – secondo prime indiscrezioni – dal 20 settembre, potendo quindi presentare agli utenti le offerte relative al bonus pc e internet.

Ideato nel 2016 il Piano Nazionale Industria 4.0 negli anni ha seguito l’evolversi dell’implementazione nel nostro Paese delle tecnologie abilitanti,…